Tris di successi per Casarano Rally Team nel Salento

Liguori-Nicastri primi di gruppo RC4N, Pisacane-Primiceri in classe Rally 4 e Memmi-Mastrogiovanni in N2. Gara altamente selettiva con 7 equipaggi all’arrivo sui 16 verificati del sodalizio pugliese

La 56^ edizione del Rally del Salento è stata davvero impegnativa per i colori del Casarano Rally team, che nella sfida valida per il Trofeo Italiano Rally e per la Coppa Italia di 8^ zona, festeggia tre vittorie di classe ed alcuni rilevanti piazzamenti, ma patisce parecchi abbandoni.

Fra i successi spicca in particolar modo l’affermazione in gruppo R4CN di Giorgio Liguori e Mattia Nicastri, che hanno sfiorato la Top Ten chiudendo la loro gara su Renault Clio Sport di classe R3 in undicesima posizione assoluta. “ Siamo contenti del risultato – ha dichiarato Liguori – ottenuto in questa gara che, ancora una volta , si è dimostrata davvero insidiosa. Strade strette, sporche con pietre sull’asfalto, davvero un tracciato molto impegnativo. Abbiamo perso qualcosa in termini cronometrici nelle ultime P.S. perché la vettura ha avuto un calo di potenza, ma siamo riusciti ad arrivare al traguardo nonostante i problemi”.

Bella anche la prova vincente di classe Rally 4 da parte di Andrea Pisacane e Luca Primiceri. Il pilota della Peugeot 208 Rally Turbo è risultato il migliore degli under 25. “Doppia soddisfazione – ha dichiarato il giovane Pisacane – dal momento che la gara è partita in salita per via di un problema alla Turbina nello Shakedown, sistemato dai tecnici Lion. Nella  prova spettacolo la vettura faceva vistosamente fumo per una perdita d’olio, ma ho spinto al massimo per chiudere la ps. nella seconda giornata siamo riusciti a spingere e così abbiamo afferrato il successo di classe per il quale ringrazio ovviamente il mio navigatore, i partner che mi hanno sostenuto come la mia famiglia tutta molto a me vicina”.

Danilo Memmi e Luigi Mastrogiovanni si sono aggiudicati con la Citroen Saxo Vts la classe N2. “Gara durissima – ha sottolineato Memmi – soprattutto la prova di Torre Paduli dove ho dovuto gestire per non correre rischi, ma anche le altre come la Specchia dove ho lasciato alcuni secondi perché ho raggiunto una vettura che partiva davanti. Abbiamo comunque recuperato sulla successiva Ciolo ed è arrivato questi bel successo

Buona prestazione per Fernando Primiceri e la figlia Giulia su Skoda Fabia, da pare loro una gestione di gara accorta in classe regina dall’altissimo livello di vertice. Piazzamenti d’onore in classe Rally 4 -R2b per Gianni De Micheli con Enrico Carbone e per Francesco Marotta con Marco Agagiu’, entrambi con le Peugeot 208 aspirate. Fortunato Di Fonzo e Francesco Ciccarelli hanno chiuso al secondo posto la classe Rally 5 dove c’è stata intensa battaglia fra le Renault Clio Rs Line.

Apprezzabile l’assolo di Claudio D’Amico e Rodolfo Lucrezio con l’elegante e molto applaudita lancia Delta Integrale HF.

Per quanto riguarda tutti gli altri come accennato pesano i ritiri di Guglielmo De Nuzzo ed Andrea Colapietro bloccati dalla rottura di un semiasse della loro Renault Clio Super 1600 nel corso della  3^ speciale, come Matteo Carra e Lorenzo Mezzina per noie meccaniche dopo la 4^ . Fra i primi a dover alzare bandiera bianca Massimo De Rosa e Mirko Liburdi con la Peugeot 208 Turbo dopo la 3^ P.S. e ancora Daniele Ferilli e Nazzareno Rosa Su Citroen VST, Lorenzo Torsello e Marco De Mitri con la Renault Clio Rs, Patrizio Forte e Roberto Bucarello con la Renault Clio Williams di A7 tutti fermi dopo la PS.4. Poca strda in più per Michele Serafini anche lui su una renault Clio in versione RS e Marco negro e Antonio Tundo su Mini Cooper S che hanno dovuto abbandnare rispettivamente dopo la Ps.5 e dopo la 6. 



In questo articolo: