Le toccanti parole di Al Bano: “raggiungerò Ylenia in paradiso”

“So che è in Paradiso e la raggiungerò”: Albano Carrisi è tornato a parlare della figlia Ylenia in una intervista rilasciata al settimanale Chi, diretto da Alfonso Signorini. “È stato il dolore più grande della mia vita”

È l’uomo più felice del mondo Albano Carrisi che, giustamente, non perde occasione per parlare della grandissima emozione provata da quando è venuto al mondo Kay, il primogenito di Cristel e dell’imprenditore croato Davor Luksic, nato a Zagabria il 10 maggio, quasi due anni dopo il matrimonio da favola celebrato nel centro di Lecce.

È il primo nipotino per nonno Al Bano e Romina che in questi mesi stanno “monopolizzando” il gossip. Sulle pagine delle cronache rosa non si parla d’altro: l’ultima succulenta indiscrezione profuma addirittura di fiori d’arancio. Il cantante pugliese, infatti, starebbe pensato di risposare la figlia della star di Hollywood con l’approvazione di mamma Yolanda.

«Mia madre è la base della nostra famiglia, ma anche la testimone di 90 anni di storia d’Italia. Alla sua età è ancora inarrestabile e pensa che senza i suoi piatti io possa deperire» ha dichiarato il Leone di Cellino San Marco in una intervista esclusiva al settimanale “Chi” in cui ha annunciato il film-documentario intitolato “Madre mia”, che andrà in onda su Rete 4 il 10 e il 17 giugno.

«Una donna rivoluzionaria che ha insegnato a tutta la famiglia i valori importanti e che se li possiedi puoi continuare la tua vita senza perderti, perché non si corre il pericolo di sbagliare la rotta. All’inizio non era d’accordo che sposassi Romina, poi però l’ha adottata come se fosse una figlia. Quando abbiamo divorziato ha sofferto molto, ma ora è felice che abbiamo riallacciato i rapporti». Parole piene di affetto per tutta la sua famiglia.

Gli occhi di Albano, però, si coprono di un velo di tristezza quando parla di Ylenia. Parlando della figlia scomparsa a New Orleans, «il dolore più grande della sua vita» ha dichiarato: “So che è in Paradiso e la raggiungerò”.

Era il 31 dicembre del 1994 quando quella ragazza bionda e piena di vita sparì nel nulla. Qualcuno dice che, insieme a lei, quella sera svanì anche la favola di “Albano e Romina”.



In questo articolo: