Gallipoli, Errico prende tempo. La rottura Barba-Di Mattina investe Fitto

Il Primo cittadino nel Consiglio di oggi rimanda la presentazione delle linee programmatiche del nuovo Esecutivo, in attesa di cementare la maggioranza. In ‘Oltre’, scontro tra Di Mattina e Barba.

Aria tesa nel Consiglio Comunale di oggi a Gallipoli, nella giornata in cui il Sindaco della “Città Bella”, Francesco Errico, dopo il tanto atteso rimpasto avrebbe dovuto presentare le linee programmatiche. In realtà, il Primo Cittadino, ancora non ha chiarito la questione con il Partito Democratico, dopo l’alterco che c’è stato con il partito di maggioranza, dovuto all’innesto nell’Esecutivo di Sandro Quintana e Mery Cataldi.

Il Pd prima di tornare sui suoi passi ha chiesto di revocare le nomine alle new entry, di azzerare la Giunta e di riprendere un nuovo cammino fino al termine della Consiliatura.
Errico, a quanto pare, avrebbe deciso di accettare i consigli e di rimandare fra tre giorni, in una nuova Assise, con una maggioranza ricompattata, la presentazione delle famose linee programmatiche, dichiarando, di fatto, l’esistenza di una nuova maggioranza rispetto a quella uscita vincitrice dalle urne.

Già, perché, se per Caiffa e Padovano dell’Udc non c’è più posto, ecco che a entrare nella squadra consiliare a sostegno del Sindaco, giungono due elementi del centrodestra: Mino Chianella de “La Puglia Prima di Tutto” e Toti Di Mattina di “Oltre con Fitto”. E proprio quest’ultimo, nella giornata di oggi, con un colpo a effetto, ha annunciato a Palazzo Balsamo, ad Assise riunita, il suo sostegno all’Errico Bis, ma l’ha fatto presentandolo come un sostegno del movimento che fa riferimento all’ex ministro magliese.

Subito è intervenuto l’altro consigliere del gruppo, Antonio Barba, per stoppare l’adesione a livello di movimento, riconducendolo, invece, solo e soltanto a una scelta individuale e personale.

Informato sull’evoluzione dei fatti nel suo quartier generale di Piazza del Canneto, l’ex Senatore Vincenzo Barba, sembra che sia andato su tutte le furie non solo contro Di Mattina, ma anche contro chi, nel movimento fittiano, non ha fermato l’iniziativa dell’ex candidato alla carica di Sindaco, dandogli il via libera a una manovra che di fatto mette in crisi il centrodestra.

A quanto pare Barba porrà la questione direttamente a Raffaele Fitto e, a seconda della risposta del capo, si organizzerà per il suo futuro politico.



In questo articolo: