In Lega Pro vincono tutte le big, cade solo il Lecce ormai fuori dai play off

Nel catino dell’Arturo Valerio di Melfi cade il Lecce di Bollini. Tutte le altre pretendenti alle posizioni play off avevano vinto nella giornata di ieri. SI fa sempre più difficile la corsa alla B, domenica prossima è Lecce – Foggia.

Il campionato sembra aver assunto, infatti, una sua logica definitiva con le grandi, o cosiddette tali, che non sono più disposte a perdere un colpo con le cosiddette piccole e raccolgono sempre la massima posta in palio, lasciando insomma poco spazio alle sorprese.

Solo il Lecce di Mister Bollini non riesce nell’impresa di sbarazzarsi del Melfi, anzi crolla al 90’ pur essendo in superiorità numerica, ma le attenuanti sono tante: una rosa ridotta all’osso dopo i fatti di Catanzaro, un caldo enorme nel catino lucano, la freschezza atletica dei padroni di casa, le solite disattenzioni difensive (stavolta prima Vinetot e poi Scuffia). Fatto sta che i salentini si sganciano dalla lotta per i play off e si devono preparare per la sfida di domenica prossima con i cugini dauni che li hanno superati in classifica (stessi punti ma vincenti nello scontro diretto).

Tra ieri e l’altro ieri, infatti, hanno vinto tutte le big. Il Foggia venerdì sera si è liberato della Casertana con il massimo risultato e il minimo sforzo, vincendo per 1 a 0 con un gol di Loiacono al 32’ e chiudendo la partita in 10 uomini a causa dell’espulsione di Gigliotti a dieci minuti dalla fine.

Non sono stati di meno il Matera, la Salernitana, il Benevento e la Juve Stabia. Quest’ultima ha liquidato in rimonta il Savoia per 3 a 1: dopo il gol di Ferrante al 34’ per i padroni di casa, è iniziata la riscossa della squadra allenata da Pippo Pancaro che ha segnato con una doppietta di Ripa (42’ e 69’) ed ha archiviato la pratica con l’ex giallorosso Carrozza al 93’.

Anche il Matera ha fatto il suo dovere a Martina Franca prendendosi l’intera posta in palio proprio allo scadere con la rete del talentuoso Diop al 90’, risultato che ha portato i lucani a quota 60, a soli tre punti dalla Juve Stabia. La rincorsa degli uomini di Gaetano Auteri continua alla grande.

In vetta Salernitana e Benevento mietono successi: i primi della classe surclassano la Lupa Roma per 4 a 1 con gol di tutta l’artiglieria pesante:  Calil (45’), Gabionetta (50’ e 80’ su penalty), Favasuli in apertura (15). Di Del S.A. il gol laziale al 90’, un gol utile più alle statistiche che all’economia della gara. Il Benevento prova a  rincorrere ma rimane sempre a – 5 (76 i punti degli uomini di Menichini, 71 quelli dei ragazzi di Fabio Brini); scoppiettante  4 a 0 sulla Regina ormai destinata alla retrocessione grazie alle segnature di D’Agostino al 30’, di Mazzeo al 74’ e Marotta al 75’ e all’autorete di Di Lorenzo al 70’.

I RISULTATI DELLA 34^ GIORNATA

MELFI – LECCE: 1-0
ISCHIA – COSENZA: 1-1
CATANZARO – MESSINA (in corso)
VIGOR LAMEZIA – PAGANESE (in corso)
MARTINA  FRANCA – MATERA: 0-1
BENEVENTO – REGGINA: 4-0
AVERSA – BARLETTA: 0-1
SALERNITANA – LUPA ROMA: 4-1
SAVOIA – JUVE STABIA: 1-3
FOGGIA – CASERTANA: 1-0
 
LA CLASSIFICA
Salernitana 76, Benevento 71, Juve Stabia 63, Matera 60, Foggia e Lecce, 57, Casertana 56, Catanzaro* 48, Barletta 46, Cosenza 42, Vigor Lamezia* e  Melfi 41,  Martina Franca  e Lupa Roma  36, Paganese* 34, Ischia 30, Savoia e Messina*  28, Aversa  26, Reggina 22

LA PROSSIMA GIORNATA
MESSINA – ISCHIA (18 aprile 2015, ore 14.30)
COSENZA – MARTINA FRANCA (18 aprile 2015, ore 15.00)
JUVE STABIA – SALERNITANA (18 aprile 2015, ore 15.00)
MATERA – BENEVENTO (18 aprile 2015, ore 16.00)
LUPA ROMA – MELFI (18 aprile 2015, ore 17.00)
PAGANESE – AVERSA (18 aprile 2015, ore 19.30)
BARLETTA – VIGOR LAMEZIA (19 aprile 2015, ore 12.30)
REGGINA – SAVOIA (19 aprile 2015, ore 14.30)
LECCE – FOGGIA (19 aprile 2015, ore 16.00)
CASERTANA – CATANZARO (19 aprile 2015, ore 18.00)



In questo articolo: