Giornate frenetiche per il Lecce tra nuovo tecnico, mercato e sogno Serie B

I tentennamenti di Toscano avrebbero fatto virare la società giallorossa su un altro nome. Con Papini vicino al rinnovo, in questi giorni il mercato giallorosso dovrebbe subire una svolta. Intanto cresce l’attesa per un possibile ripescaggio.

Sono giorni, anzi, ore frenetiche, quelle che vive il nuovo responsabile dell’area tecnica giallorossa, Stefano Trinchera. Dopo il suo insediamento sulla poltrona di uomo mercato del club salentino e successivamente alla partita che si può dire vinta per quel che riguarda le compartecipazioni, in questi giorni ci sarà la stretta finale per quel che riguarda l’ingaggio del nuovo tecnico.
 
La situazione appare essere mutata nelle ultime ore, infatti, se fino a poco tempo fa sembrava fatta per Mimmo Toscano, si è registrata un’improvvisa virata. L’allenatore ex Novara, infatti, davanti all’offerta del sodalizio di “Piazza Mazzini”, sembra aver preso tempo in quanto ci sarebbe un forte interessamento sulla sua persona da parte della Ternana, compagine di Serie B, l’atteggiamento del trainer sembra non essere piaciuto tanto da far decidere alla dirigenza di puntare le proprie attenzioni su un’altra figura.
 
Attualmente i nomi che circolano sono quelli di Fabio Brini; Davide Dionigi, Antonino Asta, ma sembrerebbe che Trinchera stia prendendo in esame un nome che possa ben figurare sia in Lega Pro che in Cadetteria.
 
Su questo fronte, infatti ci potrebbe essere una svolta. Con il fallimento del Parma e i guai del Catania, infatti, l’ipotesi ripescaggio per i giallorossi non è più tanto remota.
 
Nonostante l’iscrizione, infatti, per la società etnea c’è il fortissimo rischio di retrocessione alla luce delle ultime dichiarazioni del Presidente Pulvirenti che avrebbe ammesso di aver comprato le ultime cinque gare della stagione per non retrocedere. In graduatoria prima del Lecce ci sono Brescia, Ascoli e Varese, ma bisognerà vedere gli sviluppi dell’inchiesta, in quanto, sia le rondinelle che la compagine lombarda, potrebbero rischiare una penalizzazione a causa di un presunto coinvolgimento di alcuni loro giocatori nel caso Catania e, a questo punto, per i salentini la situazione migliorerebbe nettamente. L’Ascoli, invece, è già fuori dai giochi in quanto non può accedere ai ripescaggi perche ricostituito solo un anno fa dopo il fallimento.
 
Ripetiamo: bisognerà aspettare il prosieguo delle indagini, ma il Presidente della Figc Tavecchio e il Procuratore Palazzi, nel corso di una conferenza stampa ieri, hanno assicurato tempi celeri.
 
Intanto, come anticipato ieri, sembra in dirittura d’arrivo l’accordo con il centrocampista Romeo Papini, desideroso di rimanere in Salento. Sarebbe questo il primo ingaggio per la nuova società che poi proseguirà il lavoro per comporre e migliorare la nuova squadra.



In questo articolo: