In Salento il Natale è uno spettacolo! I presepi ‘vivono’ nell’itinerario leccese

Il progetto – giunto alla nona edizione – coinvolge numerosi comuni della provincia di Lecce. Un itinerario che coniuga l’interesse per il turismo religioso con la suggestione presepiale, la bellezza e la riscoperta dei luoghi.

Un evento che associa, anche quest’anno, Comuni, Associazioni Culturali e Parrocchie. Ideato nel 2007 dall’Amministrazione Comunale di Lecce per dare volto a una delle tradizioni popolari più sentite nell’animo della gente: il presepe e il mistero che avvolge la nascita di Gesù. Ecco dunque tornare la nona edizione de “La Città dei Presepi”, che unisce l’interesse per il turismo religioso con la suggestione presepiale, la bellezza e la riscoperta dei luoghi. Una manifestazione che ha suscitato e riscosso sin da subito un grande successo. Voluta, peraltro, con l’intento di unire e far conoscere il fascino del Salento con la magia del Natale tramite la costruzione di diversi itinerari che collegano la città di Lecce ai paesi dell’entroterra. Proprio lì, dove da molti anni vengono realizzati i più bei presepi del Salento, in particolar modo i cosiddetti “presepi viventi”.
 
L’obiettivo è quello di valorizzare e promuovere l’antica arte legata ai valori culturali del territorio e veicolare la manifestazione nei circuiti turistici nazionali ed internazionali più significativi. Grazie a questa rete di collaborazioni, la preparazione del Natale diventa rito collettivo, esaltazione popolare, appartenenza, nonché pccasione per mettere in mostra la suggestione dei presepi viventi. Parliamo di bellissimi presepi artigianali artistici e in cartapesta (tipo quelli che accolgono i "pupi" venduti nella Fiera di Santa Lucia tenutasi ai Teatini) che hanno reso suggestivo e affascinante il senso itinerante della manifestazione unitamente al pregio delle lavorazioni della pietra e del legno, nate dall’estro  creativo degli artigiani locali.
 
Si potranno visitare presepi viventi che rendono suggestivo e affascinante il senso itinerante della kermesse. E poi ancora borghi antichi addobbati in modo accurato e la rivalutazione delle “case a corte”, dove risultano allestite le attività artigiane più tradizionali: il cretaiolo, il falegname, il  fornaio, il calzolaio, le filatrici, per rendere quanto più realistica l’antica e laboriosa vita rurale dell’entroterra salentino. (In allegato, sotto l’articolo, la brochure sugli itinerari dei presepi).
 
Quest’anno sono previste otto vie dei presepi. Grazie ai bus con guida gratuiti  offerti dall’Associazione Intercomunale “Città dei Presepi”, inoltre, sarà facile per cittadini e turisti raggiungere le mete prescelte e godere pienamente degli eventi in  calendario alla scoperta dei luoghi suggestivi del territorio salentino. Ogni comune ha fatto la sua parte, garantendo un livello elevato di qualità artistica.

A tal proposito, inoltre, ricordiamo che cliccando sulla sezione www.eventi.leccenews24.it sarà possibile anche effettuare una ricerca al fine di trovare l’evento che più interessa al lettore. Peraltro, Leccenews24 scrisse già un articolo d'approfondimento sul tema esattamente cinque giorni fa.