​Calci e pugni alla madre per avere denaro e comprare la droga. Finisce in carcere 20enne di Aradeo

Con l’intervento dei carabinieri si è conclusa la storia di maltrattamenti nei confronti dei genitori posta in essere da Claudio Salamac. Il motivo? Sempre lo stesso: chiedere i soldi per la droga. Ma stavolta…

Calci e pugni alla madre per ottenere il denaro necessario ad acquistare la droga. Ma stavolta gli è andata male a Claudio Salamac, 20enne di Aradeo che è stato arrestato in flagranza di reato dai Carabinieri della locale stazione, giunti sul posto dopo essere stati avvisati per le grida d’aiuto che provenivano da quella casa.

Il ragazzo non ha precedenti penali ma è conosciuto in città per essere disoccupato e tossicodipendente.  I Carabinieri dopo averlo condotto in caserma hanno contestualizzato l’episodio, ritenendolo per nulla sporadico bensì l’ennesimo tentativo di aggredire i genitori con la finalità unica di procurarsi il denaro da spendere presso i ‘mercanti della morte’.

L’ipotesi investigativa è di maltrattamenti in famiglia aggravati e continuati commessi in danno dei genitori.

Il giovane si rapportava agli anziani genitori con gravi minacce, attraverso l’imposizione di sofferenze fisiche, umiliazioni e continue richieste o sottrazioni di somme di denaro; il papà e la mamma ad un certo punto, dopo aver subito tanto per amore del figlio, non ce l’hanno fatta. La loro non era più vita, insomma.

La disperazione dei genitori e la paura di più gravi conseguenze alla fine hanno prevalso sulla speranza di un cambiamento del giovane. L’intervento dei militari nel bel mezzo dell’aggressione alla madre ha chiuso il cerchio.

Claudio Salamac è stato tratto in arresto e condotto presso la Casa Circondariale di Lecce a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.



In questo articolo: