Adescava le sue vittime, si faceva consegnare il denaro e poi spariva nel nulla. Denunciato truffatore seriale

Dopo un’attività d’indagine, il personale della sezione volanti, ha individuato l’autore delle truffe, un leccese 25enne che è stato riconosciuto senza ombra di dubbio dai denuncianti attraverso l’individuazione fotografica e denunciato in stato di libertÃ

Truffava le sue vittime sempre con la medesima tecnica: metteva in vendita a costi bassissimi un Iphone, si dava appuntamento per venderlo, si faceva consegnare i soldi e poi faceva perdere le proprie tracce. Un 25enne leccese ha adescato e poi ingannato, così, una manciata di persone, ma alla fine è stato scoperto e denunciato.

Il 28 gennaio scorso una signora leccese, dopo aver conosciuto casualmente un certo Eros, ha accettato la proposta allettante avanzata da quest’ultimo di acquistare un “Iphone 6” nuovo, al prezzo di 250 euro. A dire del venditore, c’era anche lo scontrino, per avvalorare la circostanza che non fosse rubato. I due si sono accordati per vedersi successivamente in via Sozy Carafa a casa del venditore il quale, sceso in strada, ha prelevato la somma pattuita, facendo aspettare per strada la signora per il tempo strettamente necessario a salire a casa e prendere il cellulare. La donna ha aspettato a lungo citofonando più volte finché al citofono non ha risposto la madre del truffatore che gli ha intimato di andarsene e non disturbare più, poiché il figlio era un invalido civile. Nei giorni successivi la signora ha provato più volte a contattare il truffatore che alla fine gli ha dato appuntamento in P.zza Rudiae, per poi non presentarsi. Solo a quel punto la donna ha deciso di sporgere denuncia.

Il 6 marzo, invece, un’altra donna si è recata all’ufficio denunce della Questura denunciando un’analoga truffa. Questa volta, tramite un gruppo Facebook avrebbe contattato un certo Eros che le aveva proposto l’acquisto di un Iphone 6 al pezzo di 350 euro, nell’occasione il truffatore le aveva anche proposto l’acquisto di alcuni televisori da 42 pollici al prezzo di 250 euro ciascuno, asserendo di averne circa 10 pezzi a disposizione e dicendo anche di essere in possesso del certificato di garanzia. Visto il disinteresse per questo tipo di prodotto, però, il truffatore ha dato appuntamento solo per la vendita dell’Iphone 6. Sul luogo dell’incontro l’uomo ha prelevato la somma ed è entrato in un portone a casa di un amico che, a suo dire, doveva consegnargli il telefono, ma da lì non è più uscito e non ha nemmeno risposto più al telefono.

L’8 marzo, poi, sempre lo stesso truffatore si è presentato in un bar nei pressi di viale Otranto, proponendo l’acquisto di uno smartphone, Iphone 6, dichiarando di avere lo scontrino e che il telefono era di un suo amico che aveva necessità di venderlo. Anche in questo caso, con il probabile acquirente si è recato davanti a quella che a suo dire era l’abitazione del proprietario del telefono. Ancora una volta dopo aver preso il denaro è entrato nel portone di casa senza più uscire.

Il 14 marzo, lo stesso truffatore ha agganciato su Facebook un’altra vittima, questa volta proponendo la vendita di uno smartphone e di un computer portatile della “Apple” per la somma di 400 euro, analogamente ha dato appuntamento all’acquirente davanti ad un’abitazione, ha prelevato la somma, è entrato nel portone e non vi è più uscito. Alle denunce raccolte si è aggiunto un intervento effettuato da una volante il 14 febbraio, in P.zza S.Oronzo dove il richiedente sosteneva di essere stato truffato da un certo Eros che gli aveva promesso un cellulare Iphone al prezzo di 500 euro e dopo averglielo mostrato, ha prelevato il danaro ed è fuggito in direzione del castello Carlo V, facendo perdere le proprie tracce.

Dopo un’attività d’indagine, il personale della sezione volanti della Polizia di Lecce, ha individuato l’autore delle truffe, un leccese 25enne che è stato riconosciuto senza ombra di dubbio dai denuncianti attraverso l’individuazione fotografica e denunciato in stato di libertà.



In questo articolo: