Allarme Isis e crisi libica, importante vertice in Prefettura

Sarà una riunione importantissima quella convocata per domani mattina. Un vertice tecnico di coordinamento delle forze di Polizia, presieduta dal Prefetto Giuliana Perrotta e con l’importante partecipazione del Procuratore Capo della Repubblica, Cataldo Motta.

Minacce terroristiche, crisi libica e tanto altro ancora. Sarà una riunione importantissima quella convocata per domani mattina in Prefettura a Lecce. Un vertice tecnico di coordinamento delle forze di Polizia, presieduta dal Prefetto Giuliana Perrotta e con l’importante partecipazione del Procuratore Capo della Repubblica, Cataldo Motta.

Sarà l’occasione, quindi, di discutere sulle problematiche legate alla crisi libica, anche in relazione alle minacce formulate dall’organizzazione terroristica Isis circa la possibilità di utilizzare l’arma dell’immigrazione come strumento per acuire la tensione internazionale in atto. La Procura di Lecce ha già avviato una serie di controlli, più approfonditi, su tutti coloro che raggiungono la Puglia, soprattutto via mare.

Nello scorso fine settimana cinque siriani sono stati arrestati perché trovati documenti falsi dell’Unione europea. In particolare quattro di loro erano in possesso di carte d’identità rumene e il quinto di una patente di guida della Repubblica Ceca.

L’incontro di domani, però, sarà anche l’occasione per parlare del fenomeno dei furti ripetuti messi a segno nel Comune di Surbo, dell’allarme criminalità a Lecce dopo l’aggressione subita dall’imprenditore nella zona dello Stadio e delle pesanti minacce di morte subite dal senatore Dario Stefano in merito alla vicenda legata alla piaga del batterio killer che sta colpendo gli ulivi salentini.