Il Riesame annulla il sequestro del Lido Tropea di Alimini. Accolto il ricorso della difesa

È stata infatti disposta la revoca del decreto di sequestro preventivo a firma del gip e la restituzione della struttura.

Annullato il sequestro del noto stabilimento balneare “Tropea”, situato in località Alimini, lungo il litorale che conduce ad Otranto.

Il Tribunale del Riesame (Presidente Pia Verderosa, Relatore Antonio Gatto), ha accolto il ricorso proposto dalla difesa del titolare del lido, rappresentata dall’avvocato Alessandro De Matteis. È stata infatti disposta la revoca del decreto di sequestro preventivo a firma del gip e la restituzione della struttura.

A margine della decisione del Riesame, l’avvocato De Matteis afferma: “Abbiamo dimostrato, documenti e norme alla mano, la fragilità di un impianto accusatorio fondato su un concetto di ‘non facile amovibilità’ delle strutture balneare che non trova rispondenza nella legge e sull’errato convincimento della Procura, e di pari passo della Soprintendenza di Lecce, che il Lido Tropea disponga solo di autorizzazioni stagionali, convincimento rispetto al quale la titolare del lido ha di recente registrato una pronuncia favorevole del Tar Lecce. L’auspicio è che ora la Procura desista dall’intraprendere l’azione penale, ma staremo a vedere. La titolare dal canto suo è serena e fiduciosa, certa di aver sempre operato nel rispetto della legge e delle autorizzazioni”.

Ricordiamo che con il provvedimento del 28 luglio (eseguito il 23 agosto), il gip Alessandra Sermarini aveva disposto il sequestro preventivo dell’”intera area interessata da tutte le opere e tutte costituenti l’intero stabilimento balneare denominato “Lido Tropea”.

Il gip Giulia Proto con provvedimento del 25 agosto aveva concesso la facoltà d’uso dello stabilimento balneare sottoposto a sequestro preventivo due giorni prima, il 23 agosto.



In questo articolo: