Bancomat, abitazioni e un negozio di telefonia: escalation preoccupante di furti

Nel mirino dei malviventi, solo nelle ultime ore, sono finiti uno sportello bancomat, ben quattro abitazioni e un noto negozio di telefonia di Lecce. Preoccupante escalation di episodi di criminalità nel Salento.

Dopo un periodo di calma quasi apparente, tornano a destare preoccupazione i furti ai danni di attività commerciali come di abitazioni. Nelle ultime 24ore sono tanti gli episodi che hanno tenuto impegnate le forze dell’ordine nel corso della notte. Dal colpo allo sportello bancomat di Zollino finito nel mirino di una banda non certo “improvvisata” viste le modalità con cui ha messo in pratica il piano, alla razzia di telefoni cellulari, tablet e altri prodotti tecnologici avvenuto poco prima dell’alba, nella centralissima via Salvatore Trinchese a Lecce.
 
I ladri, questa volta, dopo essersi introdotti all’interno del negozio forzando la porta d’ingresso con un trapano, hanno prelevato dagli scaffali quanti più oggetti possibili per un valore ancora da quantificare, ma che probabilmente si aggirerà intorno alle migliaia di euro.
 
Una volta arraffato il bottino “tecnologico” sono fuggiti via e nonostante l’allarme fosse regolarmente scattato quando una pattuglia dell’istituto di vigilanza a cui era collegato ha raggiunto il posto, di loro non c’era più traccia. Dileguati, quasi indisturbati. Poco dopo è arrivata anche una volante della polizia che ha subito avviato le indagini per tentare di risalire ai responsabili.
 
Ma non è finita qui. Nel mirino dei malviventi sono finite anche alcune abitazioni. Ben quattro furti di cui 3 andati a segno, uno a vuoto. In un caso particolare, a Torre Chianca, i ladri approfittando del momento in cui la proprietaria non era in casa, hanno ripulito l’abitazione portando via di tutto e di più, tra elettrodomestici e preziosi. Un malloppo alquanto insolito in un colpo insolito, avvenuto in pieno giorno e dopo aver letteralmente sradicato la grata montata in difesa dell’abitazione. In un'altra abitazione, invece, la visita dei topi d'appartamento ha fruttato loro un lauto bottino: circa 15mila euro in buoni fruttiferi postali oltre a diversi oggetti preziosi. Su tutti gli episodi indaga la Polizia.



In questo articolo: