Carabiniere ferito e due fermi. Violenza in campo con cric e bastoni

Il tutto è accaduto al campo sportivo di Ugento, durante la partita tra i padroni di casa dell’Usd e il Lorenzo Mariano Scorrano, valevole per la 16esima giornata del campionato di Prima Categoria, Girone C. La rissa si è scatenata al 23? del primo tempo

Calcio e violenza, un binomio che, purtroppo, è sempre più d’attualità e non accenna a placarsi. Un’altra domenica nera sui campi di provincia, un’altra giornata calcistica all’insegna della paura e del terrore. La brutalità inaudita a cui si è dovuto assistere oggi pomeriggio ha tutti i connotati della vergogna più assoluta, con cric e bastoni protagonisti immateriali della rissa, un carabiniere ferito e due tifosi (se così si possono etichettare) fermati.

Il tutto è accaduto al campo sportivo di Ugento, durante la partita tra i padroni di casa dell’Usd e il “Lorenzo Mariano” Scorrano, valevole per la 16esima giornata del campionato di Prima Categoria, Girone C. La partita era sullo 0-0 quando, al 23’ del primo tempo, un calciatore della squadra ospite ha colpito con un pugno un ugentino. A quel punto ecco scatenarsi il putiferio. I tifosi sono entrati all’interno del terreno di gioco con cric e bastoni.

I carabinieri hanno cercato di sedare la rissa che ne è scaturita, riuscendoci solo dopo minuti di forte tensione e violenza, conclusisi con un militare ferito e due tifosi dello Scorrano sottoposti a fermo di polizia giudiziaria. Saranno da accertare ulteriori strascichi dell’accaduto, ma tutto questo già basta per archiviare con tristezza e rassegnazione l’ennesima domenica di calcio violenta.



In questo articolo: