Chiede il mantenimento al padre invalido: ricorso respinto ad un ultraquarentenne ‘bamboccione’

​I cosiddetti ‘bamboccioni’ non hanno diritto al mantenimento. Per il tribunale di Lecce nulla tocca all’ultraquarantenne che non dimostra di voler cercare un’occupazione ed il miglioramento della sua condizione personale, dal padre pensionato ed invalido al 100%

Bacchettata del Tribunale di Lecce ad un ultraquarantenne che chiede il mantenimento al padre pensionato ed invalido al 100%. La vicenda parte dal ricorso notificato in data 21.07.2016, da costui – che i  media nazionali definirebbero “bamboccione” – per proporre istanza di mantenimento a carico del proprio padre. Quest’ultimo si era costituito in giudizio con il patrocinio dell’avvocato Francesco Toto, uno dei legali dello “Sportello dei Diritti”. L’avvocato Toto contestava tutta la vicenda ricostruita dal figlio, segnalandone l'immoralità. I fatti storici: il genitore, vittima nel 2011 dell’aggressione di un cavallo imbizzarrito. Egli fu ripetutamente calpestato e schiacciato dall’animale, tanto da rimanere totalmente paralizzato per gravissime fratture riportate alla colonna vertebrale, alla testa e subendo pure la perdita di un occhio.

Nonostante la triste vicenda personale del padre, il figlio pretendeva di dover essere mantenute nonostante le gravissime condizioni, praticamente vegetative. La causa è stata affidata al Giudice Paolo Moroni il quale – con ordinanza resa il 26/07/2016 – ha respinto il ricorso. Provvedimento dal tenore bacchettone e rigidamente contrario alle richieste di quei figli senza scrupoli morali che non hanno voglia di cercarsi un lavoro o hanno rinunciato a farlo, preferendo gravare sulle spalle degli anziani genitori pensionati e, come questo caso, pure invalidi e privi di assistenza. L’avv. Francesco Toto sollevava, nelle difese prodotte, profili di illegittimità nella richiesta del figlio e – in maniera incisiva e sdegnata – faceva rilevare che oggi più che mai va dato risalto alla cosiddetta “questione morale” della quale i Giudici attenti dovrebbero tenere conto.

Nella motivazione il giudice del tribunale di Lecce – con la consueta puntualità – scrive: “la cessazione dell'obbligo di mantenimento dei figli maggiorenni non autosufficienti deve essere fondata su un accertamento di fatto che abbia riguardo all'età all'effettivo conseguimento di un livello di competenza professionale e tecnica, all'impegno rivolto verso la ricerca di un occupazione lavorativa, nonché in particolare, alla complessiva condotta personale tenuta da parte dell'avente diritto, dal momento del raggiungimento della maggiore età".

"In ogni caso – prosegue il togato – le richieste dei figli maggiorenni devono essere compatibili con le condizioni fisiche ed economiche dei genitori".

In sostanza per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, il Tribunale di Lecce, seppur sensibile al contesto di crisi economica globale, invita comunque i figli ultraquarantenni a non gravare più del necessario sulle spalle degli anziani genitori che, tal volta per eccesso di amore, sono pronti a morire per i loro figli, troppo spesso fannulloni.



In questo articolo: