‘Colpo’ all’ufficio postale di Castrì: tre malviventi fuggono via col bottino

Hanno atteso tutta la notte dentro l’ufficio postale di Castrì, dopo essersi infiltrati, per poi attendere l’arrivo dei dipendenti e farsi consegnare il denaro contante. Poi, la fuga. Indagano i Carabinieri del reparto operativo di Lecce.

Un colpo riuscito alla perfezione, purtroppo. Stavolta i malviventi hanno agito con dovizia di particolari, riuscendo ad asportare del denaro per una somma abbastanza importante. È accaduto nelle prime ore della mattinata odierna a Castrì di Lecce, nei pressi dell’Ufficio Postale locale. Tre individui con volto travisato erano lì ad attendere l’arrivo dei dipendenti per poi sorprenderli e, successivamente, farsi consegnare con forza il contante custodito all’interno della struttura. Stando alle indiscrezioni iniziali, pare che "l’impavido” trio abbia praticato, durante la notte appena trascorsa, un foro sul retro; a quel punto, non appena riusciti nel loro intento di perforare la parete ed entrare nello stabile, bastava soltanto attendere l’apertura mattutina.
 
Intorno alle 8.00, dunque, l’atto criminoso ha permesso ai tre di racimolare una cifra che dovrebbe aggirarsi intorno ai cinquantamila euro. Dopodiché, una volta ottenuto l’ingente bottino, la fuga a gambe levate. Somma ancora in corso di quantificazione precisa, ma bene o male i numeri sono quelli. La verità, adesso, andrà cercata nei nastri di registrazione delle telecamere di videosorveglianza montante in zona.
 
Al momento gli unici indizi sui quali le forze dell’ordine possono contare risultano quelli derivanti dall’occhio “elettronico”, considerando che gli autori dell’atto predatorio non avrebbero lasciato alcuna traccia della loro azione. La speranza è che dalle immagini immortalate dall’apparecchiatura possano emergere dettagli tali da poter permettere alle competenti autorità di impostare una pista investigativa.
 
Le indagini al momento vengono condotte dai Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile del Comando provinciale di Lecce. 



In questo articolo: