Costruisce un immobile in assenza di autorizzazioni, la Procura fa scattare la demolizione

Il manufatto realizzato in zona a vincolo paesaggistico. L’abbattimento in seguito a sentenza di condanna e successivo Decreto di Esecuzione dell’Ordine di Demolizione.

La proprietaria non aveva adempiuto all’ordine di demolizione disposto dalla sentenza e neanche al successivo Decreto di Demolizione e per questi motivi sono stati delegati i funzionari regionali che hanno abbattuto una costruzione abusiva.

Prosegue l’attività di recupero del territorio con l’esecuzione delle sentenze penali di condanna con ordine di demolizione delle costruzioni abusive sul territorio salentino.

L’intervento della Procura della Repubblica di Lecce riguarda le opere per le quali i proprietari hanno ritenuto di non adempiere spontaneamente alle demolizioni e principalmente su quelle realizzate in zone sottoposte a vincolo paesaggistico e con altri profili di illegalità.

Nello specifico, nella giornata di oggi, la demolizione è intervenuta nei confronti di un immobile allo stato rustico, realizzato nel 2011 in località “Belvedere, sita in agro di Porto Cesareo.

La proprietaria del manufatto non ha inteso adempiere all’ordine di demolizione della sentenza di condanna emessa nel 2012 e, tanto meno, al successivo Decreto di Esecuzione dell’Ordine di Demolizione emesso dalla Procura il 19 giugno 2017.

Si tratta di un fabbricato allo stato rustico con recinzione complessiva di 377,58 metri cubi, realizzato in assenza di concessione edilizia e in zona paesaggistica.

La procedura di esecuzione ha fatto sì che gli uffici di Via De Pietro, siano intervenuti delegando allo scopo i funzionari regionali in servizio presso l’Ufficio Demolizioni e Ripristino del Territorio.

Altri interventi in zone di particolare pregio ambientale sono previsti a breve per il recupero di un patrimonio paesaggistico dell’intera comunità.