Nascondono artifizi pirotecnici di tipo illegale, scatta la denuncia per due persone

Si tratta di un 30enne e di un 46enne. La scoperta nell’ambito dei controlli disposti dal Questore di Lecce, in occasione delle feste natalizie

Detenevano un ingente quantitativo di artifizi pirotecnici di tipo illegale e per questo, al termine del controllo dei poliziotti , sono statati sequestro e denuncia.

In occasione delle prossime festività natalizie e del rischio di vendita illegale di fuochi d’artificio e materiale pirotecnico in generale, come da disposizioni del Questore della provincia di Lecce Vincenzo Massimo Modeo, il Commissariato di Polizia di Gallipoli diretto dal Vicequestore Monica Sammati, ha intensificato i controlli nella “Città Bella” e nei comuni limitrofi, allo scopo di sequestrare materiale pericoloso e non conforme a legge.

Tali verifiche hanno portato, nei giorni scorsi, al sequestro, da parte dei poliziotti gallipolini, coadiuvati dai colleghi del Nucleo Artificieri in servizio presso l’Ufficio di Frontiera di Brindisi, di un ingente quantitativo di materiale pirotecnico detenuto illegalmente e pronto alla vendita, per un peso complessivo di oltre 56 Kg, di cui gran parte di provenienza illegale in quanto privo di certificazione e omologazione italiana ed europea.

Questi ultimi, proprio per la mancanza di tracciabilità, sono da considerare altamente pericolosi perché particolarmente sensibili agli urti, sfregamenti e al calore che, in determinate condizioni, potrebbero causare ingenti danni a cose e persone.

In un caso particolare, i poliziotti si sono trovati davanti agli occhi una vera e propria “Santa Barbara”, tra cui: centinaia di manufatti artigianali esplodenti del tipo “bomba carta o cipolla con track”, non omologati né classificati, una batteria denominata comunemente “sanseverese”, anch’essa non omologata e non classificata, vari artifizi pirotecnici tipo “Bengala” e tutto il necessario per il confezionamento, come tappi e bicchieri da pirotecnico in plastica, cilindretti in cartine pressato e fogli di carta tipo “tedesco”, micce pirotecniche in spirale completa e a spezzoni.

Pertanto, oltre ai due sequestri, sono scattate due denunce a carico di due uomini, un 30enne ed un 46enne, entrambi residenti in un comune limitrofo, che risponderanno del reato di detenzione di materiale esplodente del tipo illegale, confezionato e da fabbricare e omissione di denuncia all’Autorità di Polizia di Stato

Ad uno dei denunciati, a seguito dell’attività di controllo amministrativo, è stato anche ritirato il porto d’armi e le relative armi regolarmente possedute.



In questo articolo: