Entra in panetteria e cerca di farsi consegnare 60 euro, denunciato noto truffatore

La scaltra commessa, una volta arrivata la richiesta dell’uomo, ha telefonato a sua volta al titolare per averne conferma. In quel frangente il truffatore, intuendo di essere stato scoperto, ha detto di doversi allontanare avendo la macchina in doppia fila.

Il personale della Sezione Volanti della Polizia di Lecce ha denunciato un noto truffatore, già più volte segnalato dallo stesso Ufficio e sottoposto alla misura di prevenzione speciale dell’obbligo di soggiorno nel Comune di residenza.

L’uomo, alto 1,75 circa, capelli ricci corti brizzolati, occhi scuri, vestito con un giubbino di pelle usurato intorno al collo, pantaloni grigi e scarpe a stivaletto scure, con addosso un marsupio marrone a tracolla, si è presentato in una panetteria della periferia riferendo alla commessa di essere stato mandato dal titolare e, portando il cellulare all’orecchio, le ha fatto credere di parlare con lui e di aver preso accordi in merito alla sostituzione dell’insegna del negozio per la somma di 60 euro.

La scaltra commessa, non cadendo nel tranello, ha telefonato a sua volta al titolare per averne conferma. In quel frangente il truffatore, intuendo di essere stato scoperto, ha detto di doversi allontanare avendo la macchina in doppia fila ed è uscita dal negozio frettolosamente senza prendere i soldi.

Nel frattempo, una volante, allertata dalla commessa, ha individuato il soggetto in una strada poco distante, riconoscendolo immediatamente, poiché il modus operandi era del tutto identico ad una serie di truffe attuate, in passato, dall’uomo.



In questo articolo: