Si ribalta in mare con il kayak e scompare, ma si salva da solo a nuoto. Nottata impegnativa per gli uomini della Guardia costiera

Tre segnalazioni per tre distinte operazioni hanno impegnato le unità navali e gli uomini della Guardia costiera di Gallipoli, Otranto e Ugento.

Sono stati impegnati in 3 distinte operazioni gli uomini della Guardia costiera nella nottata di ieri, fino alle prime ore del mattino.

La prima a Porto Badisco da cui è partito l’allarme poiché un uomo uscito nel tardo pomeriggio a bordo di un kayak, ovvero una sorta di canoa, non aveva fatto ritorno dopo ore. Subito sono scattate le ricerche dalla Capitaneria di porto di Otranto alla ricerca del disperso.

Soltanto intorno all’1 di notte una pattuglia della polizia ha incrociato sulla Otranto-Punta Palascia lo sportivo che ha riferito agli agenti di essere riuscito a guadagnare la riva a nuoto. Non è stato necessario l’intervento del 118 poichè il malcapitato, nonostante fosse provato dall’accaduto, stava bene.

Altre due operazioni a Ugento e Gallipoli

Altra operazione che ha visto impegnati i militari di Gallipoli ed un battello pneumatico partito dal porto di Ugento. La segnalazione riguardava due persone a bordo di un natante che era rimasto incagliato all’imboccatura del porto ugentino.

I diportisti sono stati salvati intorno alle 2 di notte.

In ultimo, l’altra operazione messa in atto alle 7 del mattino di oggi: un natante in avaria nello specchio acqueo di Gallipoli con una persona a bordo. Una unità navale si è staccata dal porto gallipolino per individuare la persona in difficoltà e metterla in sicurezza poco tempo dopo.


In questo articolo: