Martano, rapina all’ufficio postale: ‘Banda del buco’ fugge col bottino

Prima hanno forato la parete dell’ufficio postale nella notte, dopodiché sono entrati dentro, attendendo l’arrivo dei dipendenti. Questi, minacciati con arma da fuoco, sono stati tenuti in ostaggio. Poi i malviventi sono fuggiti col bottino.

Credevano di poter iniziare una giornata lavorativa come tutte le altre, l’ultima della settimana. E invece, per colpa dei soliti malintenzionati, i dipendenti dell’ufficio postale di Martano (situato in via Michelangelo Buonarroti) al loro arrivo hanno dovuto fare i conti con gente senza scrupoli. Quasi dei professionisti del mestiere, verrebbe da dire. Scena davvero agghiacciante. Dentro la sede appena menzionata, c’erano già dei malviventi pronti a tutto pur di portare a termine il loro piano.

Ma andiamo con ordine. Secondo una primissima ricostruzione effettuata dai Carabinieri della Stazione di Maglie, pare che questi individui – purtroppo ancora ignoti – avessero già raggiunto gli uffici nella notte appena trascorsa applicandovi un foro nella parete. La tecnica è sempre quella: appostatisi in un edificio confinante disabitato, sono riusciti a scavare con calma e poi penetrare all'interno della struttura. Ciò presuppone che costoro – almeno due, ma non va esclusa la possibilità di un terzo complice – si fossero studiati un piano ben preciso nelle ore antecedenti, forse anche giorni prima, ponderato nei minimi dettagli. Di certo non poteva essere un’azione da dilettanti, considerando le modalità.

Un’altra ‘banda del buco’, dunque, che stamattina – con i suoi componenti – ha atteso l’ingresso dei lavoratori per poi tenerli in ostaggio per qualche minuto. Ovviamente, indossavano indumenti atti a coprire i tratti somatici, così da non farsi riconoscere. Insomma, volti coperti e armati. Un classico. Giusto il tempo di terminare le proprie illecite operazioni e racimolare quanta più refurtiva possibile. Dopodiché, la fuga a gambe levate col bottino (che si aggira intorno ai 70mila euro). Indagini avviate subito dai militari magliesi dopo aver raccolto abbastanza elementi.



In questo articolo: