Nardè². Un insolito andirivieni davanti casa. Nei guai 19enne con l’hobby dello spaccio

Nardè². Un 19enne neretino, Davide Alemanno, pizzicato dalla polizia mentre confezionava dosi di marijuana, è¨ finito agli arresti domiciliari. Gli agenti avevano notato uno strano via vai di persone davanti allo stabile

Lo hanno sorpreso nella sua abitazione in una zona periferica di Nardò mentre era intento a confezionare delle dosi di marijuana, molto probabilmente destinate allo spaccio. Per questo, i poliziotti dei Commissariati di Nardò e Gallipoli hanno arrestato, in flagranza di reato, Davide Alemanno, 19enne incensurato. La decisione di “intervenire” era nata dopo che, nei giorni precedenti, gli agenti del Commissariato neretino, impegnati nei servizi di controllo del territorio, transitando davanti allo stabile, avevano notato un insolito e sospetto andirivieni. Per questo, ritenendo che fosse effettivamente in atto un’attività di spaccio di sostanze stupefacenti, insieme ai colleghi del Commissariato ionico, avevano deciso di cercare riscontri ai sospetti, perquisendo l’immobile.

Una volta vicini all’abitazione, attraverso una finestra, avevano inoltre notato che il giovane, forse perché aveva avuto il sentore dell’arrivo dei poliziotti, aveva tentato di nascondere dietro un mobile un involucro che, poi recuperato, conteneva circa 60 gr. di marijuana. Come se non bastasse, altre confezioni venivano trovate, contenenti la stessa sostanza stupefacente per un peso complessivo di circa 200 grammi, nonché un bilancino elettronico di precisione, una cinquantina di semi, forse anch’essi di marijuana, un vaso con una piccola pianta di marijuana ed un piccolo trita erba.

Sentito il magistrato di turno presso la Procura della Repubblica del Tribunale, Dr. Giuseppe Capoccia, il giovane veniva posto agli arresti domiciliari con l’accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Sempre ieri sera nel corso di un altro servizio, il personale del Commissariato di Gallipoli ha rinvenuto lungo la litoranea sud un piccolo sacco di tela contenente una pistola a salve  marca “Gap” cal. 8, completa di caricatore con otto cartucce. Non è escluso, sebbenepriva di reale potenzialità offensiva, che possa essere stata utilizzata per commettere azioni delittuose.