Ex carabiniere freddato con quattro fucilate. Al via gli accertamenti sul furgone sequestrato ai due indagati

I carabinieri del Sis (sezione investigazioni scientifiche) di Bari, si sono recati presso la caserma di San Donaci dove si trova il mezzo.

Al via in mattinata, gli accertamenti investigativi sul furgone sequestrato alla coppia indagata per l’omicidio dell’ex carabiniere Silvano Nestola. I carabinieri del Sis (sezione investigazioni scientifiche) di Bari, si sono recati presso la caserma di San Donaci dove si trova il mezzo che era stato sequestrato nei giorni scorsi. Sono stati effettuati una serie di rilievi e misurazioni alla ricerca di tracce e indizi utili per far luce sul misterioso omicidio.

Gli specialisti si sono trattenuti diverse ore per svolgere tutti i necessari accertamenti investigativi ed il materiale prelevato sarà esaminato nelle prossime ore.

Intanto, i Carabinieri del Ris di Roma continuano a lavorare su tutti i reperti sequestrati al 70enne di San Donaci, Michele Aportone ed alla moglie Rossella Manieri, 62 anni, originaria di Copertino, indagati a piede libero per omicidio volontario nell’inchiesta coordinata dai pubblici ministeri Paola Guglielmi e Alberto Santacatterina.

I Ris hanno eseguito i tamponi alla ricerca di tracce di Dna. Ed è in corso la perizia balistica per la comparazione tra le armi poste sotto sequestro e i quattro bossoli ritrovati sul luogo del delitto per verificare l’eventuale presenza di impronte papillari o tracce biologiche. I risultati si conosceranno nei prossimi giorni e potrebbero imprimere una svolta alle indagini.

I due indagati sono difesi dall’avvocato Francesca Conte. I familiari della vittima sono assistiti dagli avvocati Vincenzo Maggiulli ed Enrico Cimmino.

L’inchiesta

Nestola è stato colpito a morte il 3 maggio, intorno alle 22.00, con quattro fucilate (come emerso dall’autopsia) a pochi passi dall’abitazione della sorella a Copertino, dove era andato a cena con il figlio di 10 anni. La Procura fin dall’inizio ha scandagliato la vita privata dell’ex carabiniere, alla ricerca di un movente. Ed è emerso che in passato, Silvano Nestola avesse frequentato la figlia della coppia di San Donaci. Una relazione che non sarebbe stata accettata di buon grado in famiglia.



In questo articolo: