Pesca a strascico e sotto costa: altri 8mila euro di multe. Il «Pugno duro» della Guardia Costiera

Fermati dalla Guardia Costiera di Otranto due pescherecci pizzicati ad effettuare la pesca a strascico a meno di un miglio dalla costa nelle acque di Sant?Andrea. Pesanti le sanzioni per i comandanti: 8 mila euro di multa

Solo qualche giorno fa 3 pescherecci che erano stati “pizzicati” ad effettuare la pesca a strascico troppo vicini alla costa erano stati sanzionati. Stessa sorte è toccata, oggi, ad altre due imbarcazioni beccate dalle motovedette dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Otranto intente nella propria “strascicata” a meno di un miglio dalla costa, nelle acque antistanti località Sant’Andrea, nel Comune di Melendugno. La conclusione è la stessa dell’operazione precedente: i due comandanti dei motopesca, di base nel porto di Otranto, sono stati sanzionati per un totale di 8.000 euro per aver effettuato la pesca in una zona non consentita. Anche gli attrezzi utilizzati sono stati sequestrati.  

Gli uomini della Capitaneria idruntina, già in mare per pattugliamento, con l’aiuto di una squadra di terra hanno individuato le unità. Una volta accertata l’infrazione hanno intimato alle barche di rientrare nel porto della Città dei Martiri per le operazioni di rito, anche a causa delle avverse condizioni meteomarine che non hanno consentito un sicuro abbordaggio in mare.

Per le gravi violazioni riscontrate, così come previsto dalla normativa di settore sul “sistema a punti”, sono state inflitte anche altre sanzioni accessorie, che comportano a seguito di più violazioni la revoca della licenza di pesca e del titolo di comandante al pescatore imbarcato: nel caso specifico sono stati inflitti 6 punti per ogni titolare di licenza di pesca e 6 punti ad ogni comandante di motopesca.   


In questo articolo: