Presunta compravendita di voti alle Comunali 2012, quattro indagati. Trema il Palazzo di CittÃ

Ci sarebbero quattro indagati nell’inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Antonio De Donno: gli assessori Attilio Monosi, Luca Pasqualini, il vicepresidente del Consiglio comunale Antonio Torricelli e il dirigente comunale Lillino Gorgoni.

Ci sarebbe una svolta nello spinoso caso della presunta compravendita di voti che avrebbe segnato la campagna elettorale del 2012 nel Comune di Lecce e che prese il via con l'esposto presentato dalla deputata del Pd Teresa Bellanova e dal consigliere Antonio Rotundo.

Dall'inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Antonio De Donno risulterebbero infatti quattro indagati: gli assessori Attilio Monosi, Luca Pasqualini, il vicepresidente del Consiglio comunale Antonio Torricelli e il dirigente comunale Lillino Gorgoni, difeso dall'avvocato Giancarlo Caiaffa. I capi d'imputazione contestati a tutti gli indagati sono: associazione a delinquere (l’accusa di associazione, secondo il teorema accusatorio, si configura perchè i quattro indagati avrebbero favorito alcuni richiedenti a discapito dei legittimi assegnatari  inseriti nella graduatoria, ma è un ipotesi che necessiterà dei dovuti riscontri); abuso d’ufficio, falsità materiale commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici, corruzione per l’esercizio della funzione e corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio. Attilio Monosi è difeso dall'avvocato Riccardo Giannuzzi.

Gli uomini della Polizia Tributaria, su mandato del PM hanno effettuato questa mattina una serie di perquisizioni negli gli uffici comunali, acquisendo documenti e pc. I finanzieri, poi, si sono trasferiti negli uffici della Polizia Municipale di viale Rossini e hanno bussato alla porta dell’ assessorato al Traffico, Luca Pasqualini; infine, si sono recati negli uffici comunali di via Lombardia e presso l’ufficio Tributi di piazza Partigiani.
 

Bisogna aggiungere che c'è stata l'acquisizione, da parte della Polizia Giudiziaria, su mandato del Procuratore Aggiunto Antonio De Donno, di telefonini e schede Sim degli indagati; 
Raggiunto, il difensore di Attilio Monosi, l'avvocato Riccardo Giannuzzi  ha riferito che si è svolta la perquisizione dello studio di via De Mura (che è inizata alle 22.00 e terminerà nelle prossime ore) per acquisire documentazione cartacea e file da Pc. Inoltre, il legale dell'assessore ha dichiarato: "Ampia collaborazione con gli inquirenti da parte del mio assistito, poiché non ha nulla da nascondere".

Il lavoro dei finanzieri venne avviato sulla base di un esposto presentato il 28 aprile di due anni fa negli uffici della Procura dagli esponenti del Pd Bellanova e Rotundo. Da lì parti un' inchiesta che intendeva accertare se ci fosse una compravendita di voti, in vista delle elezioni comunali del 2012. (ecco la ricostruzione della vicenda)

Gli uomini della polizia tributaria stanno approfondendo sull’esistenza di eventuali "promesse" di affidamento degli alloggi popolari in zona 167 (IACP), in cambio del voto.



In questo articolo: