Resta schiacciato dall’escavatore lasciato a folle, finisce in Ospedale in prognosi riservata

Scende dall’escavatore lasciato in folle che si sposta e lo schiaccia contro il muro di cinta di un’abitazione in costruzione. Ha rischiato di morire il titolare di una ditta di movimentazione terra, ora ricoverato al Fazzi in prognosi riservata.

È sceso dall’escavatore, probabilmente senza accorgersi di averlo lasciato in folle ed è rimasto schiacciato tra il pesante mezzo e il muro di un’abitazione in costruzione, rischiando di morire. Protagonista dell’ennesimo incidente sul lavoro è il titolare di una ditta di movimentazione terra. L’uomo è stato soccorso e accompagnato a sirene spiegate all’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, dove è stato ricoverato in prognosi riservata.

La ricostruzione dell’accaduto

Si è sfiorata la tragedia, ieri mattina, a Torre San Giovanni, una delle marine di Ugento.  Toccherà ai Carabinieri della locale stazione provare a mettere insieme tutti i pezzi per delineare l’esatta dinamica dell’incidente. Secondo una prima ricostruzione, l’uomo era appena sceso dall’escavatore che stava manovrando, quando è rimasto schiacciato dal veicolo che, accidentalmente, si è spostato dopo essere stato lasciato in folle.

La macchina dei soccorsi si è attivata subito. Il malcapitato è stato affidato alle cure dei sanitari del 118 che lo hanno accompagnato, senza perdere tempo, al “Vito Fazzi” di Lecce, dove è arrivato in “codice rosso”. Le sue condizioni sono gravi a causa delle ferite riportate nell’incidente, ma fortunatamente non è in pericolo di vita.

Sul posto, come prassi vuole, sono intervenuti anche gli uomini dello Spesal per tutti gli accertamenti volti ad accertare il rispetto delle norme in materia di sicurezza sul lavoro.



In questo articolo: