Sant’Isidoro, nessun permesso né autorizzazioni per i lavori: scatta il sequestro

Sequestrati locali e impianti, per un totale di circa 300 mq, ricadenti nella struttura di un’attività commerciale, interessata da lavori di manutenzione straordinaria.

Riflettori puntati su Sant’Isidoro, nel comune di Nardò, dove gli uomini in divisa hanno effettuato il sequestro di locali e impianti di un’attività commerciale, interessata da lavori di manutenzione straordinaria. A porre i sigilli, in un’area di circa 300 metri quadri, sono stati i militari della Capitaneria di porto di Gallipoli con il prezioso aiuto dei colleghi dell’Ufficio Locale Marittimo di Torre Cesarea appartenenti al Nucleo Operativo di Polizia Ambientale della Direzione Marittima di Bari.

I militari hanno accertato come le opere e gli impianti in corso di realizzazione, ricadenti in un’area demaniale marittima dello stato, data in concessione e sottoposta a vincolo paesaggistico e all’interno del territorio dell’Area Marina Protetta di Porto Cesareo, fossero privi di permesso a costruire e di autorizzazioni demaniali.

Su conforme avviso dell’Autorità Giudiziaria interessata, i locali e gli impianti sono stati posti sotto sequestro penale mentre il titolare della concessione demaniale nonché amministratore dell’attività commerciale è stato deferito per diverse ipotesi di reato.