Schiaffeggiato dal professore di musica dopo un rimprovero, graffi sul volto per un dodicenne

Il fatto sarebbe accaduto questa mattina in una scuola media leccese. Il bambino di dodici anni, tornato a casa con degli evidenti graffi sulla guancia destra, ha raccontato l’accaduto ai genitori che hanno deciso di denunciare il professore di musica.

È tornato a casa dopo la scuola con evidenti segni sul viso che, anche dopo alcune ore, erano visibilissimi. Un ragazzino leccese di dodici anni, dopo diverse insistenze da parte dei suoi genitori, ha raccontato di essere stato schiaffeggiato e strattonato dal suo professore di musica che, prima lo ha sgridato perché disattento e, poi, nel tentativo di portarlo dal Preside della scuola, ha pensato bene di fargliela pagare in questo modo.

Questo almeno risulta dal racconto del 12enne che frequenta la seconda media di una scuola leccese. Un racconto agghiacciante che trova la sua certificazione di quanto avvenuto sulla guancia destra del ragazzino, evidentemente graffiata. La madre ha poi accompagnato il figlio al Pronto Soccorso, dove al bambino sono stati stilati cinque giorni di prognosi.

Un “trauma psichico per violenza subita, escoriazioni da graffio, stato d’ansia e tachicardia”: questo è quanto stato diagnosticato dai sanitari dopo la visita. La segnalazione della denuncia, raccolta dai poliziotti del posto fisso del “Vito Fazzi”, è stata inoltrata alla Procura per i minorenni. Un episodio che non cadrà nel vuoto perché, quasi sicuramente, ci saranno delle conseguenze anche sul piano giudiziario dato che la famiglia del piccolo ha intenzione di denunciare il docente. 

La dirigente scolastica vuole accertarsi su quanto effettivamente sia accaduto in classe e l’indagine che ne seguirà servirà ad accertare i fatti. Il bambino, intanto, ha già cambiato scuola e non tornerà più nella classe del professore violento.



In questo articolo: