Vende aspirapolvere online, ma il prodotto non arriva all’acquirente: scatta la denuncia

Un cittadino di Diso presenta una denuncia al Commissariato di Otranto sostenendo di essere stato truffato online. Effettua il bonifico per l’acquisto di un’aspirapolvere, ma il prodotto non gli viene recapitato. Denunciata una donna foggiana.

Verso la fine del mese di gennaio si presentò, presso il Commissariato di Polizia di Otranto, un cittadino di Diso con l’intento di denunciare una patita truffa, specificando che pochi giorni prima – mentre navigava in internet – aveva notato sul sito subito.it un annuncio pubblicizzante la vendita di una aspirapolvere a 420 euro. Allettato dall’offerta, contatta la venditrice, una 45enne della provincia di Foggia, sia sul telefono cellulare che tramite e-mail.

I due si sarebbero poi accordati sulle modalità di vendita, tanto che l’acquirente ha effettuato un bonifico di 450 euro sul conto corrente della donna. Lui, quindi, resta in attesa per alcuni giorni ma l’aspirapolvere tarda ad arrivare. Ed ecco la presentazione della denuncia. Le indagini condotte hanno consentito di rintracciare ed identificare la donna, una 45enne, già denunciata – stando a quanto ci riferiscono gli operatori di polizia – per fatti analoghi.

Nell’ultima settimana, inoltre, l’attività di prevenzione effettuata dagli agenti della Squadra Volante del medesimo Commissariato – finalizzata anche a garantire il rispetto delle norme che regolano la circolazione stradale – ha consentito di identificare e controllare 350 persone e 270 veicoli, nonché di sequestrare amministrativamente due veicoli. Pare che i titolari circolassero senza la prescritta copertura assicurativa obbligatoria, mentre 4 altri autisti sono stati sanzionati per non avere sottoposto i propri veicoli alla revisione obbligatoria.



In questo articolo: