Vende borse contraffatte, alla vista dei carabinieri si tuffa in mare per confondersi tra i bagnanti. Arrestato senegalese

Una denuncia e un arresto a seguito dei controlli dei carabinieri contro il commercio abusivo di merce contraffatta. Sequestrate borse per un valore di 1700 euro circa.

La località marina posta sotto la lente delle forze dell’ordine, questa volta, è Torre San Giovanni di Ugento.

Nel pomeriggio di ieri i carabinieri della locale stazione, insieme ai colleghi della compagnia di Casarano, hanno effettuato uno specifico servizio a contrasto del commercio ambulante abusivo.

Gli operanti hanno concluso i controlli con l’ arresto in flagranza per minaccia e resistenza a pubblico ufficiale, introduzione nello stato italiano e commercio di prodotti contraffatti un senegalese di 43 anni, Fall Semsou.

L’operazione è scattata sul lungomare Japigia, all’interno dell’area adibita al locale mercato settimanale. Qui i carabinieri hanno sorpreso l’uomo mentre era intento a vendere borse contraffatte dei principali marchi di moda.

Le borse sono state sequestrate in attesa di deposito

Nella circostanza il senegalese per eludere il controllo si è rivolto minacciosamente ai militari, per poi strattonarli al fine di guadagnare la fuga lungo la spiaggia.

Per far perdere le proprie tracce l’uomo è più volte entrato in acqua, tentando di mimetizzarsi tra i bagnanti. Nonostante tutto, il 43enne è sempre stato tenuto sotto osservazione e non appena rientrato all’asciutto è stato rintracciato e bloccato con la merce contraffatta consistente in 24 borse del valore commerciale euro 1.000 circa.

Nel contesto dello stesso servizio, è stato identificato e deferito in stato libertà un altro venditore abusivo nigeriano di 46anni, residente a Monteroni di Lecce, che era intento a vendere 17 borse false per un valore commerciale questa volta di 700 euro circa.

Tutta la merce rinvenuta è stata sottoposta a sequestro, repertata e custodita in attesa del deposito presso l’ufficio corpi di reato.

L’arrestato è stato condotto in carcere.



In questo articolo: