Akragas-Lecce 1-3. Apre Moscardelli, chiude Diop e nel mezzo si sblocca Curiale

I giallorossi escono vittoriosi dallo stadio ‘Esseneto’ grazie ai gol del bomber italo-belga della punta trapanese e del calciatore ex Torino. Braglia azzecca tutte le mosse, in avvio e nel corso della gara. Sabato prossimo sfida contro il Messina.

Rimediare immediatamente al mezzo passo falso rimediato la scorsa settimana a Matera e riprendere la rincorsa alla vetta, distante otto punti, sin da subito, nella speranza, anche di uno stop della capolista e delle dirette concorrenti, visto che, in campo, scendono anche le altre compagini.
 
Con queste premesse, nella giornata di oggi, in un orario un po’ insolito, alle 13.30, hanno giocato i giallorossi allenati da mister Piero Braglia che sono stati opposti all’Akragas, allenato dall’ex difensore di Milan e Juventus, Nicola Legrottaglie, nella seconda trasferta consecutiva
 
Un match non privo di difficoltà quello giocato da capitan Papini e compagni, visto che si sono trovati di fronte a una squadra ferita, reduce dalla batosta per 3-0 con il Matera e proveniente dal ritiro di una settimana voluto dalla società.
 
Per la sfida con la compagine sicula, il tecnico di Grosseto è stato costretto a fare a meno di Salvi e Gigli e, forfait dell’ultima ora, Doumbia, a causa di un affaticamento muscolare. Ad ogni modo il trainer toscano si è affidato al modulo che nelle ultime giornate di soddisfazioni ne ha date parecchie, il 3-4-3, ma con due sorprese. Davis Curiale il prezzo pregiato del mercato salentino che fino a ora ha ampiamente deluso le aspettative, torna tra i titolari e in panchina ci va anche De Feudis che cede il posto a Pessina. Sul terreno di gioco, quindi si sono presentati: Perucchini tra i pali; Freddi, Camisa e Abruzzese nel reparto arretrato; Lepore e Legittimo esterni di centrocampo con Papini e Pessina in mezzo; Surraco, Moscardelli e Curiale a comporre il tridente d’attacco.
 
La gara inizia con un giallo in area salentina. Di Piazza, al momento del tiro, cade a terra, ma il sig. Ranaldi, a due passi dall’azione, dice che è tutto regolare. Al 10mo bell’azione della formazione siciliana con una progressione sulla fascia di Savonarola che crossa per Di Piazza anticipato da Perucchini, anche se, l’attaccante biancoazzurro si trovava in posizione di off side. Nei primi minuti di gara è più Akragas che Lecce. Al 20mo un tiro da fuori di Madonia viene deviato in corner da Perucchini. Al 22mo i giallorossi passano in vantaggio. Surraco crossa per Moscardelli che in scivolata colpisce al volo il pallone e deposita in rete. Un vantaggio immeritato quello salentino visto che fino a questo punto era stata la formazione di Legrottaglie e giocare meglio. Al 26mo Lecce vicinissimo al raddoppio con una punizione da trenta metri di Moscardelli sulla quale Vono compie un miracolo. Al 40mo arriva il raddoppio. E a portare a due le marcature giallorosse è Davis Curiale. Cross su punizione di Lepore, sul quale si avventa di testa Freddi, l’estremo difensore siciliano compie un miracolo e respinge, sulla respinta arriva Moscardelli che crossa rasoterra per l’attaccante trapanese che deposita in rete a porta vuota. Al 45mo una punizione dal limite di Lepore viene parata senza difficoltà. Il primo tempo si chiude con un minuto di recupero e ha visto il Lecce partire un po’ a rilento ma che, nel frangente di miglior gioco dell’Akragas, è riuscito a portarsi in vantaggio e da qual momenti in poi controllare agevolmente la partita e trovare la seconda marcatura grazie al primo gol di Curiale che, finalmente, si è riuscito a sbloccare.
 
Nella ripresa il primo tiro della gara è del Lecce. Cross di Pessina e sinistro di Moscardelli da buona posizione che termina alle stelle. Al 50mo un sinistro al volo del bomber italo-belga finisca a lato di poco. È una squadra salentina arrembante quella che si vede nei primi minuti del secondo tempo. Il gol siglato sembra essere stato un toccasana per Curiale che al 51mo, prende palla poco prima del centrocampo e, nonostante tre giocatori a contrastarlo, riesce ad arrivare al limite dell’area e servire Moscardelli che spreca. Al 60mo Lecce ancora pericoloso, ma l’azione sfuma per un intervento dell’estremo difensore siculo che riesce ad anticipare il solito Moscardelli prima del tiro a porta vuota. Al 64moa l’Akragas rischia di accorciare le distanze, ma Leonetti, solo davanti a Perucchini si lascia ipnotizzare dall’estremo difensore giallorosso che para il tiro. Trascorre un solo minuto e la squadra di Legrottaglie segna. Savonarola lasciato solo davanti dalla difesa avversaria si invola sulla fascia destra e, all’interno dell’area, solo davanti a Perucchini, trafigge l’estremo difensore. Passa un solo minuto e il portiere salentino è costretto a fare gli straordinari anticipando fuori dall’area a fermare un attaccante avversario. Subito dopo Braglia opera il primo cambio: fuori Moscardelli e dentro Diop che al 69mo con un tiro da fuori impegna Vono. Al 70mo doppio cambio per i salentini: fuori Curiale per Vecsei e Freddi per Cosenza. Al 75mo un colpo di testa di Leonetti viene parato da Perucchini. Al 75mo pareggio sfiorato dall’Akragas. Cross di Cristaldi per Leonetti con il calciatore biancoazzurro che non arriva sul pallone di un soffio per il tiro a porta vuota. È un Lecce che soffre parecchio quello che si vede dopo il gol avversario. All’84mo Diop, solo davanti al portiere, non arriva di un soffio sul pallone passatogli da Lepore. I cambi di Braglia sembrano dare i loro effetti, infatti, con il trascorrere dei minuti, i giallorossi iniziano a controllare meglio gli avversari. all’88mo calcio di rigore per il Lecce. Diop entra in area e costringe al fallo Aloi che viene ammonito per la seconda volta e quindi espulso, sul dischetto è lo stesso senegalese che si presenta e, con un preciso rasoterra spiazza Vono. Per il calciatore ex Torino è il primo gol in campionato. A nulla servono i quattro minuti di recupero, se non a registrare l’espulsione di Camisa, in una gara che vede Lecce uscire vittorioso dallo Stadio Esseneto.
 
Qui le pagelle dell'incontro a cura della redazione sportiva di LecceNews24.it

Non c’è che dire, mister Braglia ha azzeccato tutte le mosse sia in avvio che nel corso della partita, il Lecce visto oggi, dopo un periodo di ambientamento, ha ben giocato, segnato più di un gol e, nonostante la sofferenza nella metà del secondo tempo, è riuscito a riprendersi e a chiudere la gara. Sabato prossimo sfida tra le mura amiche contro il Messina.



In questo articolo: