Corsa, tattica e… mascherine: il Lecce si è riunito. Oggi si decide la data della ripresa della Serie A

Ripresa degli allenamenti ieri pomeriggio per il Lecce: aggregati alla prima squadra sei ragazzi della Primavera, mentre per due è già tempo di differenziato. Oggi il vertice con il Governo per la ripresa del campionato.

Non un allenamento come tutti gli altri, ma il primo dopo quasi tre mesi di isolamento personale. Per il Lecce la nuova fase della stagione è iniziata ieri, con la ripresa degli allenamenti di gruppo, 72 giorni dopo l’ultima volta.

L’emergenza sanitaria legata al coronavirus ha bloccato anche tutte le squadre del calcio italiano: uno stop forzato, ma che adesso sta per essere tolto. Ad Acaya ieri pomeriggio i giallorossi si sono finalmente riuniti tra corsette, esercitazioni tattiche e grandi sorrisi che hanno scacciato – per qualche ora – l’ansia e la paura di un periodo drammatico.

Sul manto erboso del resort della Grecìa Salentina c’erano (quasi) tutti: per mister Liverani e il suo staff mascherine a coprire il volto, ma le urla si sentivano eccome. Alla prima squadra, dopo lo stop definitivo dei campionati giovanili, si sono aggregati i Primavera Monterisi, Petrarca, Sava, Maselli, Rimoli, Colella. Non era presente, invece, Dell’Orco, convalescente dopo l’intervento di ernia inguinale, mentre Deiola e Shakhov hanno seguito un programma di lavoro differenziato.

Per questa mattina è in programma una nuova seduta d’allenamento, ovviamente a porte chiuse, ma il mondo del calcio attende con trepidazione l’incontro di oggi pomeriggio tra il Ministro Vincenzo Spadafora, il presidente della Federcalcio Gravina e quello della Lega Dal Pino. Al centro della discussione ci sarà la data del ritorno delle partite del Massimo Campionato: prendere sempre più quota il 20 giugno, ma sull’effettiva ripresa del torneo ci sono ancora dei nodi da sciogliere.



In questo articolo: