Arriva Luglio e parte l’operazione riassetto delle marine leccesi

A cominciare dalle marine leccesi, partono i lavori per liberare da erbacce e rifiuti marciapiedi, piazze e aiuole. Dopo tante segnalazioni, arriva l’intervento del Comune per rendere più vivibili le marine e la città.

Le marine, croce e delizia del capoluogo salentino. Da Frigole a Torre Chianca,passando per San Cataldo, le lamentele di cittadini e residenti sono sempre le stesse, ogni anno. Denunce d’abbandono, marciapiedi pieni di erbacce, servizi che non esistono. Epure, come diceva qualcuno Lecce è anche una “lupa di mare”, che ha la fortuna di poter contare di molti affacci sul bel mare salentino. Eppure le polemiche non mancano, soprattutto – va detto – in tempi di campagne elettorali.ù
 
Dall’assessorato all’Ambiente del Comune di Lecce arriva però la notizia che sono stati avviati in questi giorni i lavori inerenti il servizio di sfalcio delle erbe e diserbo, riqualificazione dei percorsi pedonali, spollonatura alberature stradali e rampicanti infestanti su tutto il territorio comunale.
 
I servizi sono stati aggiudicati per i prossimi 4 anni con gara d’appalto all’A.T.I. composta dalla Franeco Srl da Campi e dalla Vetrugno Ambiente da Brindisi per un importo di € 539.520.
 
Alle tante rimostranze e segnalazioni, tra cui l’ultima a firma di Diego Dantes su San Cataldo, l’assessore all’Ambiente, Andrea Guido risponde che i lavori partiranno innanzitutto nelle marine per “rispondere alle richieste di quanti hanno segnalato situazioni di degrado dei marciapiedi e piccoli cumuli di rifiuti e ingombranti abbandonati in questi ultimi giorni in seguito alle pulizie delle residenze estive dai soliti incivili”.
 
“Fondamentale, per esempio per il riassetto di Torre Rinalda appena terminato, il connubio di forze messe in campo ad unisono dall’ATI aggiudicataria del servizio di diserbo e da Monteco Srl – spiega Guido – senza la quale non sarebbe stato possibile intervenire su inerti e ingombranti o recuperare in tempo reale tutto il materie di risulta scaturito dalle operazioni di diserbo meccanico e manuale. Oggi Torre Rinalda appare tirata a lucido. Così sarà per Spiaggiabella, Torre Chianca, Frigole e San Cataldo entro pochi giorni”.
 
Gli interventi arriveranno poi in città,dal centro alle periferie. “Il nostro obiettivo principale di questi giorni è quello di sensibilizzare i cittadini ad una fruizione responsabile della spiaggia e delle marine in genere attraverso comportamenti ecologici – ha concluso Guido – dobbiamo sempre considerare i rifiuti una risorsa, anche al mare. Raccoglierli e depositarli negli appositi contenitori oltre ad essere un atto di civiltà è soprattutto un atto d’amore nei riguardi del nostro territorio. Estate, quindi, non solo mare, spiaggia, sole, ma anche rispetto per l’ambiente e la natura”.
 
Da Palazzo Carafa viene segnalato un numero verde a cui potersi rivolgere per il ritiro a domicilio di ingombranti e rifiuti elettrici ed elettronici: 800 80 10 20. Il servizio è gratuito.



In questo articolo: