Turismo e sviluppo nella Terra d’Arneo. Presentati i risultati di cinque anni

Nel corso di un evento a Leverano, alla presenza di rappresentati istituzionali, imprenditori di settore e mondo dell’associazionismo, il Gruppo di Azione Locale ha reso noti gli obiettivi raggiunti nell’ultimo quinquennio.

Risultati e bilanci per il Gal Terra d’Arneo che, nella sala conferenze della Banca di Credito Cooperativo di Leverano, ha incontrato istituzioni, imprenditori e giornalisti per raccontare e illustrare gli importanti traguardi raggiunti dal Gruppo di Azione Locale negli ultimi cinque anni.

Attraverso il Piano di Sviluppo Locale, l’agglomerato di Comuni dell’Arneo, facenti parte, cioè, dell’area geografica a Nord-Ovest della provincia di Lecce, ha cambiato volto, perché, con l’aiuto e gli investimenti del Psl, sono nati agriturismi, ristoranti, alberghi, cantine vitivinicole e varie attività o imprese agroalimentari.

La seconda Conferenza Economico-Programmatica di Terra d’Arneo, è stata aperta  dal saluto di Lorenzo Zecca, Presidente della Bcc di Leverano, mentre, la relazione introduttiva, è stata affidata a Cosimo Durante, Presidente del Gal Terra d’Arneo.

Tema dell’incontro il sistema agricolo e agroalimentare, le opportunità offerte, il lavoro prospettato e lo sviluppo potenziale per il territorio tutto.

Così i comuni di Nardò, Leverano, Copertino, Veglie, Guagnano, Porto Cesareo, Salice Salentino, Carmiano e Campi Salentina hanno messo in evidenza l’immenso patrimonio di attività realizzate nel corso degli ultimi anni.

Parliamo di formazione, turismo rurale, artigianato e commercializzazione dei prodotti tipici, diversificazione delle attività agricole, tutela del patrimonio culturale e miglioramento della qualità della vita.

Un’occasione per comunicare non solo gli interventi realizzati, ma anche e soprattutto l’ammontare degli investimenti. Per l’ospitalità agrituristica sono stati spesi sette milioni e 300mila euro; per le masserie didattiche 390mila euro; per le fattorie sociali 150mila euro; per l’agro-artigianato 170mila; per le energie rinnovabili 570mila.

Grazie al Gal sono nati 400 nuovi posti letto in agriturismi e 179 negli alberghi dei centri storici, tutti risultati di cui il Gruppo di Azione Locale va orgoglioso.
 



In questo articolo: