All’Area Marina Protetta di Porto Cesareo la Certificazione Europea per il Turismo Sostenibile

Si tratta di una conferma, essendo stata la Riserva già stata insignita negli scorsi anni di questa importantissima certificazione

Ennesimo riconoscimento internazionale di grande prestigio per l’Area Marina Protetta Porto Cesareo. Nei giorni scorsi, infatti, a Bruxelles presso la sede del Parlamento Europeo, ha ricevuto ufficialmente il rinnovo della certificazione europea per il Turismo sostenibile (CETS). Si tratta a tutti gli effetti e di fatto di una riconferma, essendo la Riserva Nazionale cesarina, già stata insignita negli scorsi anni di questa importantissima certificazione che sigilla ufficialmente lo stato dei luoghi ed altresì i trend turistici ospitati.

Con questa certificazione infatti l’Amo, si impegna a guidare il territorio nei prossimi cinque anni ancora con nuovi progetti che siano capaci di guidare e certificare una fruizione del mare e delle coste sempre più sostenibile, sia per la natura che per le popolazioni locali che in questo fragile territorio ed ecosistema ci risiedono o lo frequentano.

A ricevere il riconoscimento erano presenti il direttore Paolo D’Ambrosio, e Luciana Muscogiuri, responsabile Cets dell’Area Marina.

“La Cets rientra perfettamente nel contesto delle Direttive Europee – spiega D’Ambrosio – quali la Direttiva Natura 2000 e la Direttiva Quadro per la Strategia Marina. Tutti i suggerimenti che provengono dalla Comunità Europea ci indicano di proteggere la natura assieme alle popolazioni, che dipendono dalle risorse locali. Per queste motivazioni, il rinnovo rappresenta per noi una nuova sfida: dobbiamo riflettere sulla differenza fondamentale tra ‘turismo take-away’ e ‘viaggio esperienziale’ e dobbiamo scegliere quale delle due vogliamo perseguire. Dobbiamo lavorare per creare un sistema turistico che non consumi, ma valorizzi, le preziose risorse naturali che abbiamo ricevuto come dono dal luogo in cui viviamo”.



In questo articolo: